Cos’è il numero di telaio

 

PREMESSA INTRODUTTIVA

 I dati di identificazione dei veicoli a motore, sono obbligatori per Legge. Sono tali perché i veicoli, in quanto bei mobili registrati presso i registri nazionali dei vari paesi, devono poter essere identificati inequivocabilmente. La loro proprietà deve essere riconducibile ad una persona, una società e pertanto la responsabilità derivante dalla circolazione, dall’uso di questi riconducibile ad essi.

Il dato di identificazione del veicolo per eccellenza è il numero di telaio, il quale è composto per convenzioni internazionali da 17 caratteri (cifre e lettere). Esso nella sua composizione, identifica la casa costruttrice, il modello, l’anno di produzione e lo stabilimento di provenienza e infine la persona (proprietario) cui esso è collegato. Ogni serie alfanumerica differisce pertanto dall’altra ed è inequivocabilmente legata ad un solo veicolo a motore, sia esso moto, macchina o autocarro etc…

Conseguenza di questa breve introduzione è la considerazione di quanto sia importante saper individuare innanzitutto la posizione del numero di telaio sui vari veicoli in modo celere e preciso, saper decodificare la  serie alfanumerica presente al fine di poter accertare la genuinità dello stesso, la provenienza lecita del veicolo. Esigenze che sono prioritarie per le Forze di Polizia che esercitano un controllo su strada e che concorrono a determinare le possibili varie ipotesi di illeciti derivanti dal numero di telaio (di carattere amministrativo  o penale), la capacità per gli addetti al controllo di individuare in tempi rapidi la posizione del numero di telaio, la sua corretta punzonatura e la rispondenza alla marca / modello e targa di identificazione del mezzo. Detti controlli spesso comportano un perdita di tempo non indifferente e talvolta si risolvono con la materiale impossibilità di localizzazione del numero (dettata dalle condizioni ambientali del controllo ad ex di notte con poca visibilità) e pertanto l’impossibilità di effettuare un controllo approfondito.

Forze dell’Ordine a parte, l’utilità di uno strumento in grado di indicare dove si trovi il numero di telaio e indicare le linee guida per la sua corretta interpretazione, sono di utilità anche al privato cittadino nel caso (sempre frequente) in cui questi si trovi a dover valutare l’acquisto di un veicolo usato da un privato, vista il crescente e prospero mercato dei veicoli rubati e riciclati messo in atto da organizzazioni criminali.

N.B. CHE L’UNICO CONTROLLO CHE OFFRA UN’ATTENDIBILITA’ VICINA ALLA CERTEZZA CIRCA LA PROVENIENZA DEL MEZZO, E’ QUELLO EFFETTUATO DALLE AUTORITA’ PREPOSTE (POLIZIA LOCALE, CARABINIERI, POLIZIA DI STATO ETC)

 NORMATIVA DI RIFERIMENTO

Il Codice della Strada.

La Normativa di riferimento vigente per ciò che concerne il numero di telaio e i dati di identificazione dei veicoli a motore in genere è individuabile, con riferimento a quella Nazionale, nel Codice della Strada e Regolamento di esecuzione del Codice e nel Codice Penale per le ipotesi di illecito.

Esistono poi una serie di Direttive dell’Unione Europea che hanno dettato linee guida, recepite dal Legislatore nazionale nel Codice della Strada, che hanno consentito una omogeneizzazione a livello comunitario della normativa.

Il nostro cds, tratta dei dati di identificazione dei veicoli a motore nell’articolo 74 il quale dispone:” Dati identificazione (1)

1. I ciclomotori, i motoveicoli, gli autoveicoli, i filoveicoli e i rimorchi devono avere per costruzione:

a) una targhetta di identificazione, solidamente fissata al veicolo stesso;

b) un numero di identificazione impresso sul telaio, anche se realizzato con una struttura portante o equivalente, riprodotto in modo tale da non poter essere cancellato o alterato.

2. La targhetta e il numero di identificazione devono essere collocati in punti visibili, su una parte del veicolo che normalmente non sia suscettibile di sostituzione durante l’utilizzazione del veicolo stesso.

3. Nel caso in cui il numero di identificazione del telaio o della struttura portante sia contraffatto, alterato, manchi o sia illeggibile, deve essere riprodotto, a cura degli uffici competenti del Dipartimento per i trasporti terrestri, un numero distintivo, preceduto e seguito dal marchio con punzone dell’ufficio stesso.

4. Nel regolamento sono stabilite le caratteristiche, le modalità di applicazione e le indicazioni che devono contenere le targhette di identificazione, le caratteristiche del numero di identificazione, le caratteristiche e le modalità di applicazione del numero di ufficio di cui al comma 3.

5. Qualora le norme del regolamento si riferiscano a disposizioni oggetto di direttive comunitarie, le prescrizioni tecniche sono quelle contenute nelle predette direttive; è fatta salva la facoltà per gli interessati di chiedere, per l’omologazione, l’applicazione delle corrispondenti prescrizioni tecniche contenute nei regolamenti e nelle raccomandazioni emanate dall’Ufficio europeo per le Nazioni Unite – Commissione economica per l’Europa, recepite dal Ministro delle infrastrutture e dei trasporti. (2)

6. Chiunque contraffa, asporta, sostituisce, altera, cancella o rende illeggibile la targhetta del costruttore, ovvero il numero di identificazione del telaio, è punito, se il fatto non costituisce reato, con la sanzione amministrativa del pagamento di una somma da euro 2.514 a euro 10.061. (3)

(1) Vedi art.232 e art.233 reg. cod. strada.
(2) Il Ministero della navigazione e dei trasporti è ora denominato Ministero delle infrastrutture e dei trasporti.

(3) Comma così modificato dal D.M. 22 dicembre 2010, in G.U. n. 305 del 31-12-2010..”.

Quindi sinteticamente riassumendo i punti chiave della Norma:

  1. Tutti i veicoli devono avere una targhetta di identificazione fissata al mezzo.
  2. Un numero di identificazione impresso (punzonato) sul telaio o struttura portante sì da non essere cancellato o alterato.
  3. Sia la targhetta che la parte ove è impresso il numero di telaio devono essere apposti su parti inamovibili del veicolo e visibili.

Normativa Internazionale.

La normativa internazionale di riferimento è individuabile come segue:

  • Direttiva 76/114/CEE recepita con D.M.26.02.76
  • Direttiva 78/507/CEE recepita con D:M:30.09.78
  • Direttiva 93/34/CEE recepita con D.M. 03.11.94 (veicoli a 2 o 3 ruote)

 Tutte le norme e gli accordi internazionali, sono stati recepiti dal Legislatore Italiano che li ha codificati appunto nel codice della strada, interessante sotto questo aspetto, sono gli accordi adottati nella Conferenza di Ginevra del 1975 (la stessa che ha stabilito le linee guida per il rilascio delle patenti internazionali), e le varie normative ISO acronimo di “International Organization for Standadization” appunto l’organismo internazionale cui aderiscono tutti o gran parte dei Paesi della comunità internazionale che spinti dall’esigenza di uniformare e standardizzare le misure e i pesi, al fine di economizzare e rendere più efficienti gli scambi commerciali hanno redatto una serie di testi contenenti indirizzi poi recepiti ad esempio dalla Conferenza di Ginevra e adottati da gran parte dei Paesi.

Proprio le specifiche dettate dall’ISO, hanno determinato la conformazione attuale del numero di telaio ovvero la sua serie alfa numerica, il significato della successione di caratteri alfabetici e numerici e risulta quella di riferimento per sua decodifica e interpretazione.

  • ISO 3780 DEFINISCE IL W.M.I. WORLD MANUFACTURER IDENTIFICATION (paese costruttore)
  • ISO 3833 DEFINISCE TUTTI I VEICOLI A MOTORE (ciclomotori esclusi)
  • ISO 4030 DEFINISCE IL NUMERO DI IDENTIFICAZIONE DEL MEZZO, LA SUA POSIZIONE E COMPOSIZIONE. E’ DETTO V.I.N. VEHICLE IDENTIFICATION NUMBER, E’ COMPOSTO DA 17 CARATTERI DISPOSTI IN GENERE SU UNICA RIGA, I CARATTERI UTILIZZABILI SONO I NUMERI DA 0 A 9 E LE LETTERE DELL’ALFABETO LATINO ESCLUSE LA LETTERA “O, I, Q” POICHE’ FACILMENTE FALSIFICABILI E ERRONEAMENTE INTERPRETABILI PER “0” O “1”.

LA LETTERA “O” E’ USATA SOLO PER IDENTIFICARE  NEL TERZO CARATTERE I COSTRUTTORI OPEL PORSCHE E FORD TEDESCA (unica eccezione).

IL V.I.N. (NUMERO DI TELAIO) E’ DIVISO IN PARTI O SEZIONI COME DETTO IL W.M.I.  I sezione IDENTIFICA IL PAESE O CASA COSTRUTTRICE, IL V.D.S. II sezione  INDICA IL MODELLO E ALTRE CARATTERISTICHE TECNICHE (alimentazione ad esempio), il V.I.S. III sezione  INDICA E CONTRADDISTINGUE IL PARTICOLARE VEICOLO.

COME SI LEGGE IL NUMERO DI TELAIO

 

I SEZIONE W.M.I.

La prima sezione (W.M.I.) è composta da tre caratteri alfanumerici, identifica il paese della casa costruttrice e il costruttore. In particolare il primo carattere identifica il paese ove ha sede la casa costruttrice 

J=Giappone S=Inghilterra V=Francia W=Germania  Y=Svezia
T=Rep.Ceca 9=Brasile 1=U.S.A 2=Canada Z=Italia

 Il secondo ed il terzo carattere presente nel W.M.I. identifica il codice internazionale del costruttore:

AR=AlfaRomeo BA=B.M.W DB=DaimlerBenz FA=Fiat
FO=Ford LA=Lancia OL=Opel VW=Volkswagen 

E’ da tener presente che le case costruttrici hanno fabbriche in diversi paesi, quindi i primi tre caratteri del V.I.N., anche se di modelli uguali, avranno una sigla W.M.I. diversa ad esempio: 

FORD WFO=Germania SFA=Inghilterra VS6=Spagna1 FO=U.S.A
VOLKSWAGEN WVW=Germania 1VW=U.S.A 9BW=Brasile  
OPEL WOL=Germania SKF=Inghilterra VSX=Spagna  
FIAT ZFA=Italia 9BD=Brasile SUF=Poloni  
RENAULT VF1=Francia VS5=Spagna    
CITROEN VF7=Francia VS7=Spagna      

 

II SEZIONE V.D.S.

La seconda sezione (V.D.S.) è composta da sei a otto caratteri alfanumerici, dal quarto all’undicesimo ed identifica il modello di autovettura, lo stabilimento di produzione, ed altre caratteristiche del veicoloe varia da costruttore a costruttore; per esempio:

176 = FIAT Punto 
170 = FIAT Nuova Cinquecento
836  = FIAT K
 6511000 = BMW modello 777, le ultime tre cifre non hanno alcun significato
124021/1/A = MERCEDES 200 E, guida a sinistra, stabilimento di produzione SINDELINGER
201122/2/F = MERCEDES 190 D, guida a destra, stabilimento di produzione BREMA

In questa sezione, ove indicato, si trova l’anno di fabbricazione del veicolo, dato determinante ad eventuali fini identificativi.-L’anno viene individuato da un gruppo di numeri o lettere che si ripetono ogni trenta anni, come meglio in seguito indicato:

dall’anno 1981 al 1990: B, C, D, E, F, G, H, J, K, L;
dall’anno 1991 al 2000: M, N, P, R, S, T, V, X, Y, Z;
dall’anno 2001 al 2010: 1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9, A 

III SEZIONE V.I.S.

La terza sezione (V.I.S.) è composta dagli ultimi sei o otto caratteri alfanumerici, ed identifica solo e soltanto quel veicolo e nessun’altro.

 Un veicolo di costruzione Italiana ad esempio sarà:

 torna su